2022-01-26 12:24:18
Mercoledì 13:59:40
Gennaio 26 2022

Diritti umani: l'UE adotta conclusioni sulle sue priorità nelle sedi delle Nazioni Unite competenti in materia di diritti umani nel 2022

View 10.1K

word 1.1K read time 5 minutes, 22 Seconds

Il Consiglio ha approvato oggi conclusioni sulle priorità dell'UE nelle sedi delle Nazioni Unite competenti in materia di diritti umani nel 2022, nelle quali si ribadisce l'impegno dell'UE a rispettare, proteggere e garantire i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto con uniformità e coerenza in tutti i settori della sua azione esterna e a sostenere il sistema dei diritti umani delle Nazioni Unite quale pietra angolare della sua azione esterna. L'UE affronterà i rischi emersi di recente per i diritti umani, quali le minacce ibride, i rischi inerenti agli sviluppi tecnologici e ai cambiamenti climatici, nonché le conseguenze persistenti della pandemia di COVID-19.

In occasione del 20º anniversario dell'entrata in vigore dello Statuto di Roma, l'UE ribadirà il suo sostegno risoluto alla Corte penale internazionale e riaffermerà il suo impegno a combattere l'impunità e garantire giustizia alle vittime. L'UE continuerà altresì a chiedere a tutti gli Stati di rispettare il diritto internazionale dei diritti umani e di concedere alle Nazioni Unite e ai meccanismi di monitoraggio dei diritti umani un accesso incondizionato e senza restrizioni nei loro territori.

L'UE continuerà a monitorare la situazione dei diritti umani a livello globale e a denunciare le violazioni e gli abusi dei diritti umani ovunque siano commessi. Inoltre riconoscerà gli sviluppi positivi registrati nell'ambito dei diritti umani e continuerà a perseguire la cooperazione con tutti i paesi e le organizzazioni regionali.

Le conclusioni del Consiglio sulle priorità dell'UE nelle sedi delle Nazioni Unite competenti in materia di diritti umani sono approvate annualmente.

Foreign Affairs Council, 24 gennaio 2022

Situazione della sicurezza europea

La cosa più importante è che abbiamo riconfermato la nostra forte unità e approccio unito alle sfide alla sicurezza europea. La nostra unità è la nostra forza, e su questo non c'è dubbio nel Concilio
Josep Borrell, Alto Rappresentante per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza

Il Consiglio Affari esteri è stato aggiornato sugli ultimi sviluppi della formazione militare russa intorno all'Ucraina e ha tenuto una discussione sulla situazione della sicurezza europea, che ha riguardato anche la situazione in Bielorussia e Kazakistan .

Nel contesto di questa discussione, i ministri hanno avuto l'opportunità di uno scambio informale di opinioni tramite teleconferenza video con il Segretario di Stato americano Antony Blinken .

Il Consiglio ha anche approvato conclusioni in materia. Le conclusioni sottolineano che i tentativi della Russia di ricreare linee di divisione nel continente europeo minano le fondamenta ei principi fondamentali su cui si basa la sicurezza europea e riportano alla memoria oscuri ricordi di sfere di influenza che non hanno posto nel 21° secolo. Il Consiglio riafferma il suo pieno e indiscutibile sostegno all'Ucraina e chiarisce che qualsiasi ulteriore aggressione militare contro l'Ucraina avrà conseguenze enormi e costi elevati.

I ministri hanno convenuto che l'UE dovrebbe proseguire gli sforzi diplomatici per convincere la Russia a scegliere la via del dialogo e hanno incaricato l'alto rappresentante di continuare a coordinare la posizione dell'UE con partner chiave come gli Stati Uniti, la NATO e l'OSCE. Allo stesso tempo, l'UE continuerà a respingere la disinformazione .

Sebbene la prima scelta sia il dialogo, l'Alto rappresentante ha chiarito che il lavoro per preparare le risposte alla potenziale aggressione russa è stato portato avanti e che è proseguito in coordinamento con i partner chiave.

Infine, l'UE intensificherà i suoi sforzi per rafforzare la resilienza dell'Ucraina e di altri partner attraverso un pacchetto di assistenza finanziaria consistente in prestiti e sovvenzioni di emergenza, sostegno contro le minacce informatiche e ibride e sostegno alla sicurezza e alla difesa , anche attraverso la riforma dell'Ucraina settore dell'istruzione militare.

Siria

Il Consiglio Affari esteri ha proceduto a uno scambio di opinioni sulla Siria sulla base delle informazioni fornite dall'inviato speciale delle Nazioni Unite Geir Pedersen .

Dopo oltre un decennio, il conflitto in Siria è tutt'altro che concluso e resta fonte di sofferenza e instabilità.

Il Consiglio ha ribadito la sua richiesta di una soluzione politica e ha sottolineato che nessuna normalizzazione, revoca delle sanzioni o ricostruzione sarà possibile fino a quando il regime siriano non si sarà impegnato in una transizione politica. I ministri hanno chiesto ancora una volta che il regime e i suoi alleati si impegnino per la piena attuazione della risoluzione 2254 dell'UNSC.

L'UE lavorerà con partner che la pensano allo stesso modo, compresa la Lega araba, per aiutare il popolo siriano e portare avanti il ​​processo politico. Prevede di organizzare la sesta conferenza di Bruxelles nel maggio 2022, per generare finanziamenti per il popolo siriano e per le comunità di accoglienza dei rifugiati, per dare voce alla società civile siriana e per aumentare lo slancio per una soluzione politica al conflitto.

Libia

Il Consiglio "Affari esteri" ha proceduto a uno scambio di opinioni sugli ultimi sviluppi in Libia, in particolare sul rinvio delle elezioni nazionali , previste per il 24 dicembre 2021.

Il paese si trova a un bivio importante e l' UE continua a impegnarsi a sostenere i libici nello svolgimento di elezioni libere, eque, inclusive e credibili il prima possibile.

I ministri hanno confermato le priorità dell'UE - i libici hanno il diritto di scegliere i propri rappresentanti attraverso le elezioni e il paese deve essere liberato da ogni presenza armata straniera - e incoraggiato tutte le parti interessate a concordare la via da seguire per dare ai libici la possibilità di votare alle elezioni.

L'Alto rappresentante ha inoltre annunciato che sarà valutata la possibilità di dispiegare una missione di osservazione elettorale , una volta che i libici avranno deciso un nuovo calendario elettorale.

Attualità

Per quanto riguarda il Mali , i ministri hanno condannato la presenza sul campo del gruppo Wagner e la decisione delle autorità maliane di prevedere un periodo di transizione più lungo di quattro anni.

L'Alto rappresentante ha annunciato che c'è un accordo politico per l'adozione di sanzioni contro coloro che ostacolano la transizione, in solidarietà con la decisione presa di recente dalla Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (ECOWAS).

L'alto rappresentante ha sottolineato che l'UE sta seguendo da vicino gli sviluppi in Burkina Faso , ha espresso preoccupazione per la detenzione del presidente Kaboré e la presenza di soldati armati nel quartier generale della stazione radiotelevisiva nazionale e ha chiesto il rispetto della Costituzione e del rilascio del presidente Kaboré.

Source by Unione europea

Similar Articles / Diritti ... nel 2022